domenica 24 agosto 2014

Esperimenti di "Clonazione"

Leggendo il titolo di questo post, qualcuno potrebbe pensare che sono impazzito e mi sia messo in testa di iniziare a fare esperimenti di genetica... tranquilli! Si tratta solo di "Clonazione Modellistica".

A parte gli scherzi, riuscire a duplicare i pezzi che si costruiscono, può rivelarsi molto utile e divertente.
Supponiamo per esempio che si voglia costruire il modello di un palazzo con tante finestre tutte uguali, auto-costruirle tutte a una a una potrebbe rivelarsi un'impresa un po' lunghetta e noiosa. In questi casi, viene in aiuto del modellista la "Gomma siliconica per stampi".
Questo tipo di gomma, permette la realizzazione di stampi per oggetti anche molto piccoli e dettagliati, rendendo agevole la loro sformata grazie all'elasticità della gomma stessa.
In commercio ne esistono essenzialmente di due tipi: a poliaddiazione e a condensazione. La prima è venduta in due componenti: A+B che vanno miscelati insieme in parti uguali 1:1, mentre la seconda è fornita con il suo catalizzatore da aggiungere in percentuale. Non sto a dilungarmi nel descrivere le caratteristiche dei due tipi di gomma, in quanto anch'io non è che abbia molta esperienza in materia, dico solo che io ho scelto quella a poliaddiazione perché penso che sia più adatta ai neofiti che fanno "Esperimenti" come me, miscelando i componenti in parti uguali si ha meno probabilità di sbagliare, evitando così di buttare soldi e tempo.

Per prima cosa mi sono costruito una finestrella semplice semplice col mio solito metodo del cartoncino e balsa:


A questo punto, bisogna creare il cassero dove andrà colata la gomma che alla fine formerà lo stampo vero e proprio.
Come base del cassero ho utilizzato del poliplat, sul quale andrò a incollare il "master" o Matrice, cioè la finestra che ho appena costruito.
Per fare le sponde del cassero, ho utilizzato un pezzo di polistirene da 2 cm di spessore, nel quale ho praticato un foro di circa 1 cm più largo rispetto al perimetro della finestra:


Ora non resta che incollare la finestra al centro della base, poi, incollare anche il pezzo di polistirene ancora sulla base per formare le sponde del cassero dove andrà poi colata la gomma:



A questo punto tutto è pronto per iniziare a colare la gomma. Come dicevo all'inizio del Post ho utilizzato un tipo di gomma siliconica a Poliaddiazione, cioè, una gomma in due componenti: Componente A + Componente B, che vengono miscelati in rapporto 1:1.
Ho calcolato grossomodo quanti gr. di gomma mi servivano per riempire lo stampo, poi, armato di bilancia digitale,ho miscelato i due componenti e versato il tutto nel cassero.
Naturalmente tutto questo va eseguito rispettando le indicazioni d'uso che ci sono sulla scheda tecnica della gomma:




Ora, non ci resta che attendere il tempo necessario affinché la gomma finisca il suo processo di catalisi, che può variare a seconda del tipo di gomma che stiamo utilizzando. In questo caso io dovrò attendere 6/8 ore prima che lo stampo sia pronto per essere usato.

--oOo--

Trascorso il periodo di catalizzazione, possiamo estrarre lo stampo dal cassero:


Come si può vedere dalla foto, purtroppo il master è andato distrutto... va beh, poco male, se lo stampo funziona potrò costruirmi in breve tempo tutte le finestre che voglio...

A questo punto ho preparato il gesso e l'ho colato nello stampo:


Ho utilizzato un gesso sintetico che una volta asciutto diventa molto duro, quasi come la resina. Il gesso in questione si chiama "Diplast", lo potete trovare Qui, assieme alla gomma PA25 che ho utilizzato per fare lo stampo.

Dopo circa un'ora ho sformato la finestra, questo è il risultato:


Sono abbastanza soddisfatto del risultato, ci sono alcune cose migliorabili, ma nell'insieme la finestrella non mi sembra affatto male...

5 commenti:

  1. Un ottimo post! Direi anzi un vero Manuale a riguardo.
    La finestrella è riuscita benissimo. Complimenti e grazie!

    RispondiElimina
  2. GRANDIOSO LAVORO, GRAZIE X LE INFORMAZIONI CHE CI DAI.
    CIAO

    RispondiElimina
  3. non ho capito (come al solito)una cosa come hai determinato la quantita di silicone a+b che ti serviva
    come fai a sapere quanto? comunque bel lavoro dovrei farlo anch'io quando faccio casette di finestre ce ne sono una marea...
    comq riesci sempre a stupirmi bravissimo ti invidio un casino e ti apprezzo altrettanto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'apprezzamento Carlo!
      Riguardo alla quantità di silicone, devi calcolare grossomodo il volume del cassero in "cm.
      cubi". Poi, una volta che hai il volume, in base al peso specifico della gomma (che di solito è riportato sulla scheda tecnica) calcoli quanta gomma ti serve per riempire i cm. cubi del cassero.

      Ciao!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...